Consorzio Casalasco e Pomì saranno presenti al Summer Fancy Food Show, dal 25 al 27 giugno a New York.

L’attività fieristica internazionale del Consorzio Casalasco del Pomodoro e di Pomì non conosce sosta.
In questo primo semestre 2017 hanno già partecipato ai più importanti eventi nazionali di settore – come Marca a Bologna, Cibus Connect a Parma e TuttoFood a Milano – e alle principali fiere di riferimento per diverse aree geografiche del mondoWinter Fancy Food a San Francisco, Gulfood a Dubai, Foodex a Tokio oltre al PLMA di Amsterdam, il Food west Africa di Lagos in Nigeria e l’Iran food di Teheran.

Consorzio Casalasco e Pomì sono ora pronti a tornare negli Stati Uniti d’America, precisamente a New York, dove dal 25 al 27 giugno si svolgerà il Summer Fancy Food Show, fiera di punta di un mercato, quello americano, su cui il Consorzio Casalasco del Pomodoro punta ovviamente molto.
Non a caso nel 2009 è stata fondata la Pomì Usa Inc., società controllata al 100% dal Consorzio Casalasco, distributrice dei prodotti a marchio Pomì in oltre 20mila punti vendita.

Il Summer Fancy Food è il più grande evento dell’America del Nord dedicato alle specialità gastronomiche e all’innovazione del settore food e ospita i principali produttori e operatori.
Sono attesi più di 25.000 buyer e saranno presenti 2.500 espositori.

Saremo qui:

Javits Center, New York

ICE / Italian Pavillon

Stand 2927-2929

Read more

Costantino Vaia, Direttore Generale, è intervenuto all’appuntamento alla presenza di Oscar Farinetti e Carlo Petrini

Giovedì 8 giugno, Costantino Vaia, Direttore Generale del Consorzio Casalasco del Pomodoro, è stato invitato come relatore a un’importante tavola rotonda all’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche di Pollenzo di Bra (CN), “The Food Industry Monitor.

A confrontarsi su “Finanza e crescita sostenibile nel settore agroalimentare” sono state le più note personalità del mondo economico-finanziario legate all’agroalimentare. Tra queste, oltre al “padrone di casa” il Pro-Rettore UNISG Michele Fino: Oscar Farinetti, Presidente Eataly, e Carlo Petrini, Presidente Slow Food International, al quale sono state affidate le conclusioni della giornata.

Ha coordinato la tavola rotonda Francesco Antonioli, giornalista de “Il Sole 24 Ore”.

 

 

Read more

Nei giorni scorsi il Consorzio ha avviato un percorso di sensibilizzazione e informazione con i dipendenti sul tema del tabagismo e dei suoi effetti sulla salute

Quando la responsabilità sociale di un’impresa non rimane solo uno slogan. Il Consorzio Casalasco del Pomodoro di questa impostazione etica ne ha fatto un pilastro aziendale. Non solo nei confronti del territorio e dei soci ma anche dei dipendenti. Una visione strategica che è concreta e quotidiana volontà di gestire e implementare al meglio e con convinzione una filosofia di vita sana e serena.

Per dare corpo a questa filosofia nei giorni scorsi, all’interno dell’azienda, è stato realizzato un corso di formazione e sensibilizzazione sul tema del fumo. Un’iniziativa nuova e positiva promossa e sostenuta anche dalla Regione Lombardia.

A illustrare i problemi e i danni alla salute correlati al fumo, sia attivo sia passivo, è stata Stefania Barbaglio dell’ASST di Cremona. L’evento non si è limitato alla relazione, ma ha coinvolto la partecipazione diretta dei dipendenti. Al termine dell’incontro sono state raccolte le adesioni per la creazione all’interno del Consorzio Casalasco di un gruppo che, sotto la guida di un operatore esperto del Sert di Casalmaggiore, inizierà un percorso finalizzato alla disassuefazione dal fumo.

Il corso è stato organizzato nell’ambito del programma WHP “Workplace Health Promotion” della Regione Lombardia per la promozione della salute sui luoghi di lavoro, a cui il Consorzio Casalasco ha aderito lo scorso anno. Questo programma si pone come obiettivo quello di aiutare il cambiamento organizzativo nei luoghi di lavoro. Il tutto per creare ambienti favorevoli all’adozione di stili di vita salutari incoraggiando al contempo la crescita personale, sulla base di un modello generale codificato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità “Healthy workplaces: a model for action”.

Le aziende che aderiscono s’impegnano ogni anno a realizzare buone pratiche in due aree tematiche tra quelle proposte. Il Consorzio Casalasco per il 2017 ha scelto quello del contrasto al fumo di tabacco e quello relativo alla promozione dell’attività fisica.

Nell’ambito delle attività iniziate nel 2016 ed in parte ancora in corso, i temi sono stati “promozione di un’alimentazione corretta” e “Contrasto all’alcool e alle altre dipendenze”. A Cremona nella sede dell’ATS Val Padana, nei giorni scorsi è avvenuta la cerimonia di premiazione delle imprese che hanno portato a termine il progetto. Tra queste c’era anche il Consorzio Casalasco del pomodoro che nell’occasione è stato accreditato come “Health promoting workplace”.

E sempre nel 2016 Consorzio Casalasco del Pomodoro aveva ottenuto, prima azienda alimentare a livello nazionale, la Certificazione Social Footprint, che permette di condividere con il consumatore finale tutte le informazioni relative agli impatti sociali del prodotto lungo tutta la filiera, dal campo al prodotto finito, nel rispetto dei valori di salute, legalità, relazioni durature, per un prodotto buono sotto ogni punto di vista.

Read more

A decretarlo un Comitato Scientifico composto da delegati dell’Università LUISS Guido Carli e di Confindustria Lombardia

Nei giorni scorsi la Lombardia che compete ha celebrato le 50 aziende che hanno fatto registrare le migliori performance gestionali dell’anno.
Il Consorzio Casalasco del Pomodoro di Rivarolo del Re (CR) ha così ottenuto il prestigioso Premio Industria Felix, come migliore impresa agroalimentare della Regione.

Organizzato dall’omonima associazione culturale, riservato alle eccellenze imprenditoriali e patrocinato dall’Università LUISS Guido Carli e Confindustria Lombardia, il Premio Industria Felix nasce da un’inchiesta del giornalista Michele Montemurro, sulla base dei dati Cerved, sui bilanci dell’anno 2015 (gli ultimi disponibili) di 31mila società di capitali con sede legale in Lombardia e fatturati compresi tra i 2 milioni e i 19,7 miliardi di euro.

Tra queste imprese solo in 50 hanno ricevuto il riconoscimento.
Assieme al Consorzio Casalasco del Pomodoro, sono stati premiati in differenti settori produttivi: Freni Brembo, Galbusera, Giorgio Armani s.p.a., L’Erbolario, Luxottica Group, Marcegaglia, Salumificio Fratelli Beretta, Whirlpool Italia, per citarne solo alcuni.

A scegliere le migliori aziende è stato un Comitato Scientifico composto dai delegati dell’Università LUISS Guido Carli e di Confindustria Lombardia.
Le motivazioni relative ai riconoscimenti sono state rese note durante la cerimonia attraverso l’inchiesta giornalistica presentata dallo scrittore e capostruttura di Rai 1 Angelo Mellone.

È intervenuto alla giornata anche l’amministratore delegato di Cerved (il più grande information provider in Italia e una delle principali agenzie di rating in Europa) Marco Nespolo, che ha parlato dello stato di salute e sulle prospettive delle imprese lombarde.

Read more

Torna l’attesissimo appuntamento con gli Internazionali BNL d’Italia, fra i più rinomati tornei tennistici mondiali maschili e femminili su terra rossa, nato nel 1930 dalla passione del Conte Alberto Bonacossa.

L’appuntamento sportivo si svolge in una meravigliosa location, il Foro Italico a Roma, che per tutta la durata del torneo vive giorno e notte di un’atmosfera piena di energia e di fascino, intorno ai campi, al FIT Lounge, nel villaggio commerciale e al Ballroom.

Consorzio Casalasco del Pomodoro e Pomì hanno deciso di partecipare all’importante evento sportivo.
Nel corso degli Internazionali – fino al 21 maggio – saranno presenti al Foro Italico con un proprio spazio espositivo grazie a Coldiretti, in compartecipazione con altre importanti realtà nazionali del comparto agroalimentare: Grana Padano, Bonifiche Ferraresi, Unaprol.

Read more

Un maggio ricco di eventi fieristici internazionali per promuovere il gusto del pomodoro 100% made in Italy.

Consorzio Casalasco del Pomodoro e Pomì proseguono l’attività di promozione internazionale nel corso di un intenso mese di maggio, portando nel Mondo il gusto, la storia e la tradizione di chi ogni giorno lavora per la salubrità, la genuinità e l’italianità al 100% del Pomodoro.

Da poco concluso l’evento milanese TuttoFood, sono già in partenza per il Word of Private Label di Amsterdam in Olanda (16-17 maggio), il Food west Africa di Lagos in Nigeria (17-19 maggio) e l’Iran food di Teheran (23-26 maggio).
Inoltre, a giugno, Consorzio Casalasco e Pomì voleranno negli States, precisamente a New York per partecipare al Summer fancy food (25-27 giugno).

Word of Private Label – organizzato ad Amsterdam dal PLMA – è l’appuntamento di riferimento per produttori e rivenditori alla ricerca di nuovi prodotti, nuovi contatti e nuove idee per il mercato globale.
L’edizione 2017 del “Word of Private Label” vede la presenza di oltre 4.000 aziende espositrici provenienti da 60 Paesi.

Food west Africa di Lagos in Nigeria è la più grande piattaforma business-to-business dedicata al mondo del food&beverage in Africa occidentale.

Iran food & hospitality, giunto alla 24esima edizione, è la manifestazione di maggiore rilevanza nel Paese per il comparto agroalimentare, un’area emergente e sempre più interessata anche a prodotti italiani di qualità.


 

Il Consorzio Casalasco del Pomodoro, presente sul mercato dal 1977, oggi conta 370 aziende agricole associate che coltivano 7.000 ettari di terreno dislocati nella pianura Padana tra le province di Cremona (Rivarolo del Re), Parma, Piacenza (dove ha stabilimenti di produzione rispettivamente a Fontanellato e Gariga di Podenzano) e Mantova.

Read more

Ottima affluenza allo stand del Consorzio Casalasco del Pomodoro nella giornata inaugurale. Tra gli ospiti anche il presidente nazionale di Coldiretti Roberto Moncalvo.

Grande apertura al TuttoFood di Milano per il Consorzio Casalasco del Pomodoro e Pomì. Nel padiglione 5 della fiera milanese l’affluenza è stata alta durante tutta la giornata inaugurale sia di operatori sia di buyer, soprattutto stranieri, provenienti dal Centro-sud America, Medio oriente e Asia. Un interesse particolare è stato rivolto alla qualità e all’identità italiana proposta dai prodotti del Consorzio Casalasco, sia nei formati retail sia per il food service e la ristorazione.

Ad animare e degustare gli ospiti dello stand ci hanno pensato i giovani chef Oliver Piras e Alessandra del Favero (1 Stella Michelin dal 2016), che ogni giorno preparano creazioni gourmet con solo materie prime eccellenti, 100% made in Italy e provenienti da filiera controllata, da sempre caratteristiche identificanti i valori del Consorzio Casalasco.

Anche il Presidente nazionale di Coldiretti, Roberto Moncalvo ha fatto visita allo stand di Pomì dove si è complimentato per la qualità dello stand, la visibilità data ai valori di filiera, tracciabilità e italianità della produzione Pomì. Nella visita Montalto si è brevemente trattenuto con i resident chef assaggiando un piatto di loro produzione.

Soddisfatto il commento del Direttore generale del Consorzio, Costantino Vaia. «Questa tappa fieristica aumenta progressivamente la sua importanza – commenta lo stesso Vaia – e permette di incrementare il respiro e la visibilità internazionale dei nostri prodotti. Tante le opportunità offerte d’incontro a TuttoFood soprattutto in un’ottica di sviluppo di business e ricerca di nuovi mercati lontani».

Read more

Dall’8 all’11 maggio, Pomì e il Consorzio Casalasco del Pomodoro parteciperanno al “TuttoFood 2017”, la fiera internazionale del B2B dedicata al Food & Beverage organizzata da Fiera Milano.

All’evento, tra i più importanti per il settore agroalimentare e vetrina internazionale dell’eccellenza italiana, sarà presente anche il giovane chef stellato Oliver Piras, invitato a preparare ogni giorno cinque piatti lungo un “sentiero culinario” (come lo stesso Piras definisce la propria cucina) che utilizza solo materie prime eccellenti, 100% made in Italy e provenienti da filiera corta e controllata.

Tutte caratteristiche che si ritrovano anche nei prodotti del Consorzio Casalasco, prima filiera italiana nella coltivazione e trasformazione di derivati del pomodoro.

Vi aspettiamo al Padiglione 5Stand H22 – K23!

Read more

Pomì a Dubai per Gulfood 2017

Grande successo della Pomì a Gulfood 2017, importante kermesse del settore alimentare di Dubai, con oltre 5.000 espositori da 5 continenti e circa 100.000 visitatorida tutto il Medio Oriente.

Il brand del Consorzio del Casalasco del Pomodoro – in fiera al Dubai World Trade Centre dal 26 febbraio al 2 marzo – ha richiamato un importante numero di visitatori attratti dalla presentazione dei nuovi sughi pronti e dell’intera gamma dedicata all’export.

Pomì si conferma ancora una volta icona della food valley emiliana all’estero, simbolo di qualità e freschezza di prodotti 100% made in Italy.

Read more

POMI’ A BOSS IN INCOGNITO

Durante l’ultima campagna del pomodoro Pomì è stato scelto per rappresentare la filiera italiana del pomodoro ed il Dir. Generale Costantino Vaia si è prestato al ruolo richiesto dal noto format televisivo “Boss in Incognito” in onda su RAI 2.

In questo programma vengono raccontate storie di grandi imprenditori che hanno accettato la sfida di lavorare, sotto copertura, insieme ai dipendenti della loro società.

Pertanto Costantino Vaia, camuffato e con nuova identità, ha ricoperto ruoli gomito a gomito con diversi lavoratori lungo tutta la filiera, dal campo di raccolta del pomodoro fresco fino al confezionamento finale per valutare in prima persona la qualità del lavoro, gli standard del prodotto e instaurare una relazione diretta con alcuni dipendenti dell’azienda al fine di capire meglio criticità e possibili miglioramenti nel ciclo produttivo.

A dire il vero per lui è stato un ritorno alle attività stagionali che, da studente, aveva già ricoperto agli albori della sua carriera al Consorzio Casalasco.

E’ stata una grande emozione calarmi nel ruolo richiesto – afferma il Direttore Vaia. Tornare alle mie origini professionali dopo tanti anni a svolgere lavori di campagna e di produzione, all’interno dell’azienda nella quale sono nato e cresciuto, mi ha portato a riscoprire le ragioni profonde che ci hanno portato dove siamo oggi: l’impegno del singolo, la collaborazione nel gruppo e la voglia di fare.
In questa esperienza ho cercato di immedesimarmi nella parte di un nuovo lavoratore, che non conosce nulla di quello che andrà a fare, senza dare nulla per scontato e facendo anche domande, a volte banali ed ingenue, in modo che i tutors svolgessero il loro lavoro senza sospettare di nulla.

Sorpreso dall’impegno di tutti i collaboratori – continua Vaia – e dal loro attaccamento al lavoro, il ruolo da nuovo addetto mi ha piacevolmente coinvolto seppur abbia richiesto mesi di preparazione sia per garantire la riservatezza necessaria al mio anonimato all’interno dei luoghi di lavoro sia per trovare il “look” giusto col quale travestirmi e muovermi liberamente laddove sarei stato facilmente riconoscibile.

La messa in onda è programmata per Martedì 31 Gennaio ore 21:10 su RAI 2.

vaia

Read more